News

In arrivo il “bonus idrico integrativo”, una nuova misura a sostegno degli utenti in difficoltà

A breve gli utenti residenti domestici, titolari di un contratto di fornitura idrica, che versano in condizione di disagio economico potranno presentare domanda per richiedere il bonus idrico integrativo.

Si tratta di una nuova misura di sostegno al reddito prevista dalla Provincia di Pavia con deliberazione n. 4 del 20 febbraio 2020, per gli anni 2020 e 2021, che va ad aggiungersi, per coloro che ne hanno diritto, al bonus sociale idrico di ARERA, l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente.

I criteri di accesso al bonus idrico integrativo prevedono soglie ISEE più ampie rispetto a quelle indicate per il bonus nazionale:

  • fino a € 8.265 di ISEE: bonus annuo di € 40;
  • ISEE tra € 8.266 e 8.500: bonus annuo di € 90;
  •  ISEE tra € 8.500 e 12.500: bonus annuo di € 75;
  • ISEE fino a € 18.000 e 3 figli a carico: bonus annuo di € 70.

Si precisa che il bonus di 40 € previsto per la fascia ISEE più bassa è giustificato dal fatto che il bonus nazionale copre già € 24,09 a persona residente all’anno, sulla base delle tariffe attualmente in vigore in Provincia di Pavia.

I termini, le modalità e la modulistica necessaria per la presentazione della domanda per il bonus idrico integrativo, che andrà trasmessa esclusivamente ai Comuni e ai CAFsaranno disponibili nelle prossime settimane sul sito di Pavia Acque, tenendo conto delle limitazioni di spostamento e di accesso ai servizi dovute all’emergenza Covid – 19 in corso.